31 maggio 2012

Per i ciclisti modaioli il 'casco sciarpa' che si gonfia in un decimo di secondo

I ciclisti non amano il casco. A parte chi va in bicicletta con spirito (ed abbigliamento) da professionista, il casco resta per la maggioranza uno sconosciuto. E nonostante siano aumentati gli incidenti che vedono coinvolto il popolo a pedali, il casco continua a non essere indossato perché, secondo un recente sondaggio, ci si sente 'ridicoli', perché 'tanto vado piano' (ma le auto meno), perché 'rovina la pettinatura', perché 'non si sa dove metterlo dopo'.

Ora dalla Svezia arriva la risposta a tutte queste obiezioni: la fabbrica svedese Hovding ha infatti brevettato un casco che si indossa come una sciarpa che ha all'interno un airbag che quando si gonfia avvolge completamente la testa. Una serie di sensori, testati e programmati in base a crash test specifici, libera il gas di una bomboletta gonfiandolo in un decimo di secondo. Commercializzato come un accessorio di moda, il casco è fatto in un tessuto speciale rimovibile e lavabile. E' fornito in due colorazioni diverse (ma presto ne arriveranno altre) per poterlo abbinare ai vestiti.

Una chiusura di sicurezza evita le aperture accidentali ed un led segnala se il dispositivo di apertura è attivo o no. Il peso è di circa un chilogrammo, un po' di più di un caschetto normale ma meno di quello usato dai motociclisti. Il casco è stato selezionato per Design Museum di Londra e l'anno scorso ha vinto un premio per il design in Danimarca. Il casco si può acquistare in Svezia e tra poco in Gran Bretagna, on line collegandosi al sito www.hovding.com. Il costo è 335 euro. Un bel po' più di un caschetto tradizionale. Ma questo è un capo 'fashion'.

Fonte | Adnkronos

0 commenti:

Posta un commento

    Followers

    Visualizzazioni totali